Il Concerto per gli Auguri di Natale in programma l’8 dicembre presso la Chiesa della Beata Vergine della Salute o dei Miracoli è una preziosa occasione non solo per apprezzare gli artisti del Laboratorio Lirico del Veneto diretto dal M° Cristian Ricci, ma anche per assistere alla presentazione della bellissima pala di Antonio Zanchi, ”pittor celeberrimo” già a 30 anni: ‘‘La Presentazione di Maria al Tempio” (1700), recentemente restaurata.

Lirica e pittura per un Natale con il patrimonio culturale e artistico del nostro territorio … da non perdere!

LA PRESENTAZIONE DELLA VERGINE AL TEMPIO: una riscoperta di forme e colori
Presentazione dell’opera restaurata
Domenica 8 Dicembre, ore 17.00
Chiesa della B.V. della Salute, Este (Pd)

Il restauro della grande tela di Antonio Zanchi (Este 1631 – Venezia 1722) raffigurante La Presentazione della Vergine al tempio si è concluso: si tratta della prima opera del ciclo mariano che occupa tutte le pareti della chiesa della Beata Vergine della Salute in Este, di proprietà dell’Ente comunale, firmata e datata 1700.

La Chiesa della Beata Vergine della Salute, gioiello del patrimonio artistico-religioso comunale, fu eretta nel 1639 sull’area donata da Giovanni Antonio Capovino alla Magnifica Comunità Atestina, affinché lì venisse costruito un oratorio da dedicare alla Beata Vergine dei Miracoli.

E’ tra gli esempi più singolari di architettura seicentesca della zona e conserva al suo interno lo straordinario ciclo pittorico realizzato tra il 1649 e il 1721, testimonianza della fervida cultura pittorica estense dell’epoca, tra cui spiccano i teleri dell’atestino Antonio Zanchi: la Presentazione di Maria al Tempio, lo Sposalizio della Vergine e l’Annunciazione. Il ciclo può essere considerato a buon diritto un unicum nel panorama artistico veneto, una rassegna dell’arte seicentesca che non ha eguali. Chi visita la chiesa si ritrova in una vera e propria pinacoteca del primo ‘700. Assieme alle opere di Pietro Libero e di Federico Cervelli, collocate nell’abside, e a quella di Giovanni Brunelli, il ciclo pensato unitariamente dallo Zanchi annovera infatti anche opere di Bartolomeo Litterini, Tommaso Formenti, Ludovico Lamberti, Giovanni Antonio Fumiani. La tela con Presentazione è non solo il primo dipinto realizzato ma rappresenta l’apice artistico del ciclo mariano.
Il restauro della tela ha permesso di valorizzare quest’opera e di indagarne meglio la storia: un dipinto importante, riscoperto nell’originale colore, che si colloca tra le migliori prove zanchiane presenti in città, confermando al pittore il ruolo di protagonista della corrente dei cosiddetti ‘tenebrosi’ e di ‘ponte’ tra il ‘500 e ‘700. Vi si ritrova il forte contrasto chiaroscurale dei ‘tenebrosi’, derivato dal genovese Giambattista Langetti, ma è in particolare lo studio iconografico che ha assicurato le più interessanti novità. Innanzitutto si è dimostrato come sia sempre Jacopo Tintoretto il punto di riferimento (con la sua Presentazione per la chiesa veneziana della Madonna dell’Orto), ma mediato attraverso la lezione di Luca Giordano. Il pittore napoletano eseguì, infatti, per la chiesa della Salute a Venezia una pala d’altare con la Presentazione al Tempio di Maria che costituisce il vero modello per la nostra tela. Identica è l’intonazione solenne, la composizione organizzata in modo diagonale, la caratterizzazione dei diversi personaggi che assistono alla scena con un molteplice registro di gesti ed espressioni oltreché di costumi, rendendo percepibile la carica emotiva suscitata dall’evento in atto. Non mancano le riprese dirette di alcuni brani e figure: si vedano le rispettive figure in piedi in primo piano a destra, o l’apparizione angelica nella parte alta delle tele.Il restauro del dipinto segna l’inizio del recupero del ciclo pittorico del pittore atestino, e ha permesso di riportare alla luce le caratteristiche tinte armoniose e squillanti del pittore (rossi, verdi, azzurri, gialli, violacei e bruni) che hanno sempre contraddistinto la sua produzione, ridando dignità e valore alla fase artistica estrema.
UFFICIO STAMPA:
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo – Tel.049663499 – gestione1@studioesseci.net