I luoghi del Tiepolo si uniscono per celebrarne l’anniversario dalla nascita

Venerdì 5 marzo, i luoghi tiepoleschi si uniscono per ricordare il compleanno di Giovan Battista Tiepolo, uno dei maggiori artisti del Settecento veneziano, di cui lo scorso anno si è celebrato il 250° anniversario della morte.

Il compleanno di Giambattista Tiepolo viene festeggiato attraverso foto, video e messaggi rilanciati e condivisi attraverso i canali social degli enti, dei musei e delle Ville coinvolti nel progetto. Sono i Comuni di Mirano (VE), Este (PD), Monteviale (VI), Stra (VE), Udine, Vicenza, la Provincia di Vicenza, la città di Würzburg, la Pro Loco di Mirano, il museo Ca’ Rezzonico di Venezia, il CISA Andrea Palladio, la Scuola Grande dei Carmini di Venezia, il Museo Nazionale di Villa Pisani di Stra, il Duomo Abbaziale di Santa Tecla di Este, i Musei civici di Udine, i Musei civici di Vicenza, Villa Zileri Motterle, Villa Valmarana ai Nani, Villa Cordellina e il Museo Martin Von Wagner dell’Università di Würzburg, coordinati dal Circolo Acli di Mirano – luoghi che conservano e valorizzano le straordinarie opere del Tiepolo – ad aver deciso, in maniera spontanea e informale, di coordinarsi per celebrare insieme il genetliaco dell’artista veneziano. Ville e musei sono aperti dal lunedì al venerdì.

Anche la Città di Este, naturalmente, rende omaggio a Tiepolo, ricordandolo nel giorno della sua nascita unitamente ai luoghi tiepoleschi, per ricordare la la celebre opera che realizzò per la Città e che fu collocata nel Duomo abbaziale di Santa Tecla.

Datata 1759, la Pala è grande ben 27 metri quadrati e rappresenta il più alto capolavoro a carattere religioso di Giambattista Tiepolo che raffigurò la liberazione della Città di Este dal flagello della peste, nel 1630, grazie all’intervento di Santa Tecla d’Iconio, sua Patrona.

L’iniziativa del 5 marzo è, tuttavia, anche un’occasione da non perdere, per visitatori, cittadini e turisti, per ammirare dal vivo i capolavori del grande protagonista della pittura italiana che ha influenzato con la sua arte un’intera epoca.

Clicca qui per vedere il video realizzato da Cultura KM0 Acli di Milano